Cammarata vara il piano di comunicazione ma non trova i soldi per la scuola Falcone!

logo AE.JPGIl Comune di Palermo vara il suo piano di comunicazione promo pubblicitario per il 2009, nell’ammontare di 323.760 euro per nove tv private, e si riaccende il fuoco delle polemiche sul profluvio di spese comunali ritenute non indispensabili. Una polemica particolarmente aspra, perché trattasi di un atto veicolato a mezzo di una semplice determina dirigenziale di Maddalena Di Liberto, capo gabinetto del sindaco e capo del cerimoniale. Una sostanziale riedizione di una delibera di Giunta (la n°293 del dicembre 2008), che era stata ritirata dal sindaco già nel febbraio del 2009, dopo che il centrosinistra aveva denunciato l’illogicità e l’inopportunità di una spesa pubblicitaria, a fronte di un bilancio comunale strutturalmente in sofferenza, e con ampi tagli, per risparmiare, nei capitoli dei servizi e degli interventi destinati al sociale. Inoltre la cosa più grave è che viene varato questo piano di promozione quando non si trovano centomila euro per riaprire la scuola Falcone e quando tutta l’economia della Palermo di Cammarata è in crisi e rischia di cadere i un baratro senza fondo. E’ possibile continuare a sopportare le scelte di un sindaco che non tiene conto delle esigenze dei propri cittadini? Fino a quando dovremo sopportare questo stato di cose? E’ giusto che, mentre dalla scuola vengono licenziati migliaia di docenti onesti e capaci, Cammarata crede di poter promuovere la propria immagine di amministratore pubblico a spese della collettività? Noi di Alleanza Etica pensiamo di no! E allora mobilitiamoci….

Cammarata vara il piano di comunicazione ma non trova i soldi per la scuola Falcone!ultima modifica: 2009-09-11T08:59:00+02:00da cyrus1979
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento