Festeggiatevelo voi, cari Senatori, uno come Andreotti!

Nino.jpgCari Senatori della Repubblica Italiana vergognatevi e festeggiatevelo voi uno come Giulio Andreotti, chiamato in causa in tutti gli scandali di questa italietta repubblicana, ma sopratutto legato, grazie ai suoi tirapiedi siciliani, ad ambienti loschi della criminalità, Noi di Alleanza Etica commemoriamo solo i veri servitori del Popolo Siciliano che lottarono e morirono per il riscatto della Sicilia, tra cui Falcone e Borsellino. Riteniamo che uno così avrebbe dovuto festeggiare il suo 90° compleanno nelle carceri dell’Ucciardone o del Pagliarelli, e non nell’aula del senato di questa repubblica. La Vergogna è proprio questa, nei posti dove occorrono personalità di indubbia caratura etica ci stanno quelli come Andreotti e per giunta pure a vita. Per completezza vi esponiamo la cronologia dettagliata del processo che lo vide imputato per concorso esterno in associazione mafiosa. Nino Sala

Andreotti è stato sottoposto a giudizio a Palermo per concorso esterno in associazione mafiosa. Mentre la sentenza di primo grado, emessa il 23 ottobre 1999, lo aveva assolto perché il fatto non sussiste, la sentenza di appello, emessa il 2 maggio 2003, distinse il giudizio per i fatti fino al 1980 e quelli successivi, ha stabilito che Andreotti aveva «commesso» il «reato di partecipazione all’associazione per delinquere» (Cosa Nostra), «concretamente ravvisabile fino alla primavera 1980», reato però «estinto per prescrizione». Per i fatti successivi alla primavera del 1980 Andreotti è stato invece assolto. L’ obiter dicta (parte di una sentenza che non “fa diritto”) della sentenza della Corte di Appello di Palermo del 2 maggio 2003, parla di «una autentica, stabile ed amichevole disponibilità dell’imputato verso i mafiosi fino alla primavera del 1980».Interrogato dalla procura di Palermo il 19 maggio 1993, il sovraintendente capo della polizia Francesco Stramandino, dichiarò di aver assistito il 19 agosto 1985, in qualità di responsabile della sicurezza dell’allora ministro degli Esteri Andreotti, ad un incontro tra lo stesso politico e quello che solo successivamente sarà identificato come boss Andrea Manciaracina, all’epoca sorvegliato speciale e uomo di fiducia di Totò Riina. Lo stesso Andreotti ammise in aula l’incontro con Manciaracina, spiegando che il colloquio ebbe a che fare con problemi relativi alla legislazione sulla pesca. La sentenza di primo grado definì «inverosimile» la «ricostruzione dell’episodio offerta dall’imputato». Pur confermando che Andreotti incontrò uomini appartenenti a Cosa Nostra anche dopo la primavera del 1980, il tribunale stabilì che mancava «qualsiasi elemento che consentisse di ricostruire il contenuto del colloquio». La versione fornita dall’onorevole Andreotti, secondo il tribunale, potrebbe essere dovuta «al suo intento di non offuscare la propria immagine pubblica ammettendo di avere incontrato un soggetto strettamente collegato alla criminalità organizzata e di avere conferito con lui in modo assolutamente riservato». Sia l’accusa sia la difesa presentarono ricorso in Cassazione, l’una contro la parte assolutiva, e l’altra per cercare di rifiutare la prescrizione e consentire di indagare a fondo (come potè fare solo il giudice di primo grado). Tuttavia la Corte di Cassazione il 15 ottobre 2004 rigettò la richiesta di poter rifiutare la prescrizione (possibile solo nel processo civile) confermando la prescrizione per qualsiasi ipotesi di reato prima del 1980 e l’assoluzione per il resto. Nella motivazione della sentenza di appello confermata dalla cassazione si legge (a pagina 211):Se la sentenza definitiva fosse arrivata entro il 20 dicembre 2002 (termine per la prescrizione), Andreotti avrebbe potuto essere condannato in base all’articolo 416, cioè all’associazione “semplice”, poiché quella aggravata di stampo mafioso (416-bis) fu introdotta nel codice penale soltanto nel 1982, grazie ai relatori Virginio Rognoni (Dc) e Pio La Torre (Pci). Ancora oggi il dibattito sulla portata delle affermazioni è aperto soprattutto nella logicità del teorizzare una volontaria partecipazione al fenomeno mafioso sino ad una data certa. Stesso fenomeno la cui appartenenza è fuori discussione da una certa data (il 1980) in poi. C’è da specificare che gli ultimi governi Andreotti vararono (con la firma dello stesso Presidente) alcuni tra i più importanti strumenti legislativi proprio per contrastare il fenomeno mafioso (v. i decreti Andreotti-Martelli e Andreotti-Falcone). Ai fini di una valutazione più approfondita, anche sul piano storico, bisogna tenere presente che la Cassazione in più punti sottolinea le differenti ricostruzioni fornite dalla Corte d’Appello. In particolare in due passi della sentenza afferma: “al termine di questo articolato excursus, il Collegio ritiene di dover riprendere l’osservazione iniziale: i giudici dei due gradi di merito sono pervenuti a soluzioni diverse; non rientra tra i compiti della Corte di Cassazione, come già reiteratamente precisato, operare una scelta tra le stesse perché tale valutazione richiede l’espletamento di attività non consentite in sede di legittimità” “La ricostruzione dei singoli episodi e la valutazione delle relative conseguenze è stata effettuata in base ad apprezzamenti e interpretazioni che possono anche non essere condivise e a cui sono contrapponibili altre dotate di uguale forza logica, ma che non sono mai manifestamente irrazionali e che, quindi, possono essere stigmatizzate nel merito, ma non in sede di legittimità. La Cassazione, come risulta dai passi citati, afferma che rispetto a quella della Corte d’Appello sono possibili altre interpretazioni “dotate di uguale forza logica”, pur non potendo per questo cassare la sentenza d’appello in quanto ciò richiederebbe un giudizio di merito che è sottratto alle competenze della Suprema Corte, giudice della sola legittimità delle sentenze. Quindi non avendo la possibilità di annullare la sentenza in appello la Cassazione ammette “molto forzatamente” un giudizio di “non assoluzione” per il reato prescritto di associazione mafiosa ( fino al 1980 ), come alcuni giornalisti fanno notare.

Festeggiatevelo voi, cari Senatori, uno come Andreotti!ultima modifica: 2009-01-14T19:23:00+01:00da cyrus1979
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Festeggiatevelo voi, cari Senatori, uno come Andreotti!

  1. E’ raro leggere come realmente sono andati i fatti. Tutti si ostinano a dire che Andreotti è stato completamente assolto, ma non è così come ben è stato riportato sopra.
    Secondo me viviamo uno dei periodi più neri della storia d’Italia, ma ne avremo piena coscienza tra qualche tempo.
    E’ questa la realtà: i “furbi” di ogni genere vanno avanti, fanno i loro interessi, ricoprono cariche di prestigio, e quelli volenterosi e pieni di ideali sinceri, quelli onesti, quelli COERENTI, quelli che non calpestano la nostra Storia e i nostri Valori, le nostre Radici, vengono emarginati, non hanno spazio perchè considerati fuori da questo marcio sistema.
    Ma la storia stessa ci insegna che tutto cambia prima o poi e tutto questo marciume, questa ipocrisia verranno spazzati via, ne sono certo.

Lascia un commento