Tutti a Gibilmanna

DSCN2135.JPGL’attività dell’Accademia Nazionale della Politica e di Alleanza Etica, oltre che ambire ad essere qualificata e costruttiva, cerca d’essere costante e continua. L’appuntamento che sicuramente richiamerà l’attenzione di chi cerca percorsi formativi rivolti a tematiche di alto profilo culturale, è rappresentato dal consueto ritiro di Gibilmanna, giunto all’undicesima edizione. Si tratta di tre giornate di attività di ordine politico, culturale, artistico e spirituale che si svolgeranno nel Santuario di Gibilmanna, posto di grande valore religioso e artistico che, per la suggestione e la sacralità dei luoghi e del paesaggio, spinge alle riflessioni più profonde. Il ritiro si svolgerà nelle giornate del 19, 20 e 21 dicembre p.v. sul tema che, anche quest’anno, connota il nostro intero progetto “Sicilia: Piccola Grande Patria”, e vedrà la partecipazione di vari relatori. Il programma provvisorio, passibile di cambiamenti e arricchimenti, è articolato come segue: Venerdì 19 dicembre 2008 Ore 14,30: concentramento Piazzale Giotto Ore 15,00: partenza per Gibilmanna con mezzi propri Ore 16,15: arrivo e sistemazione in camera Ore 17,00: apertura dei lavori ed interventi programmati sul tema del ritiro Ore 20,00: cena Ore 21,30: serata teatro: Attori in libertà Sabato 20 dicembre 2008 Ore 8,00: sveglia Ore 8,30: colazione Ore 10,00: dibattito libero sul tema del ritiro Ore 13,00: pranzo Ore 15,00: proiezione film Ore 17,30: prosecuzione del dibattito sul tema del ritiro con interventi liberi Ore 20,00: cena Ore 21,30: serata teatro: Attori in libertà Domenica 21 dicembre 2008 Ore 8,30: sveglia Ore 9,00: colazione Ore 9,30: Santa Messa Ore 10,30: presentazione dell’ultimo libro di Vittorio Sgarbi, Sindaco di Salemi. Sarà presente l’autore. Ore 13,00: pranzo Ore 15,00: conclusioni e chiusura dei lavori Ore 18,00: partenza per Palermo In caso di ulteriori informazioni e adesione chiamare il nostro numero 091 588628

Tutti a Gibilmannaultima modifica: 2008-12-16T17:27:00+01:00da cyrus1979
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento