La Trasparenza non si vede!

images.jpgMi verrebbe da dire che in Sicilia la trasparenza non ci sia, poichè il regolamento sull’accesso agli atti ufficiali del Parlamento Siciliano è così efficace che la Trasparenza davvero non si vede! In sintesi vi diamo alcuni elementi per poter giudicare da voi stessi: L’art.lo 2 del Regolamento di accesso è il punto più importante del documento. Esso elenca i casi in cui l’accesso è precluso. Un po’ di santa pazienza e leggendo fino in fondo capirete quali sono i casi in cui non possiamo sapere : …nei confronti dell’attività dell’Amministrazione diretta all’emanazione di atti normativi, amministrativi generali, di pianificazione e di programmazione; nei procedimenti selettivi, nei confronti dei documenti amministrativi contenenti informazioni di carattere psicoattitudinale relativi a terzi; per le seguenti categorie di atti:a) pareri resi in relazione a liti in potenza o in atto e la inerente corrispondenza;b) atti defensionali e la inerente corrispondenza;c) accertamenti medico-legali e relativa documentazione; d) documentazione di carattere tecnico attestante la sussistenza di condizioni psicofisiche che costituisca il presupposto dell’adozione di provvedimenti amministrativi ovvero che sia comunque utilizzabile ai fini dell’attività amministrativa;…g) documentazione attinente a procedimenti penali e disciplinari o concernente l’istruzione dei ricorsi amministrativi prodotti dal personale dipendente; h) documentazione attinente ad inchieste ispettive sommarie e formali; i) documentazione attinente ai provvedimenti di dispensa dal servizio;l) relazione sull’attività di consigli, comitati, commissioni, gruppi di studio e/o di lavoro;m) documentazione relativa alla situazione finanziaria, economica e patrimoniale di persone, gruppi ed imprese comunque utilizzata ai fini dell’attività amministrativa; n) rapporti, esposti ed atti di promovimento di azioni di responsabilità presentati alla competente autorità giudiziaria ordinaria, amministrativa e contabile;o) documenti relativi all’attività in corso di contrattazione collettiva di lavoro e gli atti interni connessi all’espletamento del relativo mandato; Le deroghe al diritto di accesso sono molto più numerose delle regole che salvaguardano tale diritto. Non si può prendere visione delle pratiche che vengono istruite dall’amministrazione dell’Ars – atti normativi, amministrativi generali, di pianificazione e programmazione, pareri in relazioni a liti, atti defensionali, procedimenti penali e disciplinari, inchieste ispettive sommarie e formali,, provvedimenti di dispensa dal servizio, relazioni sull’attività di consigli, comitati, commissioni, gruppi di studio e /o di lavoro, documentazione relativa alla situazione finanziaria, economica e patrimoniale di persone, gruppi ed imprese comunque utilizzata ai fini amministrativi, rapporti esposti ed atti di promovimento di azioni di responsabilità presentati alla competente autorità giudiziaria ordinaria amministrativa o contabile, documenti relativi all’attività in corso di contrattazione collettiva di lavoro e gli atti interni connessi al relativo mandato e “gli altri atti individuati con successivo decreto del Presidente dell’Assemblea regionale siciliana….”.Il regolamento dice, inoltre che “Non sono ammissibili istanze di accesso preordinate ad un controllo generalizzato dell’operato dell’Assemblea regionale siciliana”. Per concludere: L’Assemblea può rinviare la visione dei documenti “per salvaguardare ne esigenze di riservatezza dell’Amministrazione….”. Cioè quando vuole. Nel periodo estivo e durante le festività natalizie, infine, il diritto alla trasparenza degli gli atti è sospeso. Gli uffici del Parlamenti Siciliano nonostante restino aperti, ma tutto il resto è precluso. Perché? BOOOOOOO!

La Trasparenza non si vede!ultima modifica: 2008-11-18T10:14:00+01:00da cyrus1979
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento