Inizia l’anno Accademico

610043588.jpgE’ già iniziato il nuovo anno accademico per tanti studenti universitari, a tutti auguro un sereno inizio che possa essere il buon giorno per i propri obbiettivi.

Con l’ccasione vi ricordo che Alleanza Etica per la Sicilia è a vostra disposizione per ogni informazione o aiuto.

A presto

Nino Sala

Inizia l’anno Accademicoultima modifica: 2008-09-10T17:55:05+02:00da cyrus1979
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Inizia l’anno Accademico

  1. Avendo contribuito, nel mio piccolo, alla battaglia contro l’utilizzo delle cattedre come sede di propaganda di regime ( in particolare comunista), cosa che mi è costata in prima persona, oggi mi sono sentita compartecipe di questa vittoria.
    Lo statuto d’Ateneo è stato modificato ed al punto 3 potete leggere:

    -L’Università afferma il proprio carattere laico, pluralista e indipendente da ogni orientamento ideologico, religioso e politico-economico.

    Ma a proposito di ciò, invito i tanti pusillanimni traditori dalle faccine poliedriche che vengono zitti zitti a leggiucchiare le nostre idee per poi prendersene merito che io con il detto di Almirante non sono affatto d’accordo, e che si dovrebbe smettere di usare aulette e spazi di aggregazione universitari come case private con divieto d’accesso per i non appartenenti al clun di turno. E che bisognerebbe dare a tutti la possibilità di presenziare e prendere parte, un esempio a caso…..all’accoglienza matricole.
    Chi vuole intendere intenda.

  2. Matricole, starete mesi a guardarvi intorno per cercare di capire dove vi siete andati a intrufolare.
    Vi sentirete attratti dal curiosare e sentire le parole di tutti, ogni collega che apre bocca vi sembrerà di aver davanti un oracolo. E lui, preso dal senso di paterno languore, vi elargirà bonari consigli e svelerà fraterni segreti, trucchi e misteri arcani. Picciotti……lassatili sbattiri!!!
    Imparate che l’università non è come quella della belle epoche frequentata solo da pochi desiderosi di compiere studi seri e completi. No, proprio no. C’è di tutto.
    C’è il superficiale che si incavola perché non prende 30, la gattamorta che ha tutti 30…, il secchione che torna dopo 3 mesi di assenza barbuto e sciupato che vi dice che la materia l’ha studiata in 3 giorni, il raccomandato fresco come una rosa che non sa rispondere alle domande che ingenuamente gli fate ma che sostiene di studiare giorno e notte, il titubante che vi mette in crisi, il maleducato sempre pronto a sputare fango su tutti i docenti, il lecchino che tesse elogi anche ai semianalfabeti……………insomma di tutto! Per sviare ogni incertezza che si presenta alla vostra mente, contattate via mail o al ricevimento il docente, il manager didattico, il preside di CdL.
    Per ECONOMIA h inoltrando tempo fa al Preside la richiesta per tutti i docenti di aggiornare al più presto le pagine loro dedicate perché non è più tempo di chiedersi se sia o no utilissimo strumento di facilitazione della vita studentesca il supporto che offre il servizio di rete informatica. Lo scorso anno avevo già inoltrato un’altra mail al nostro Preside affinché facesse pubblicare i programmi delle materie e nel tempo giusto, cioè all’inizio dell’anno accademico ( se non addirittura prima), per rendere chiaro di cosa tratta una materia sia per scegliere il corso di laurea, sia poi per scegliere le materie per i crediti formativi a scelta dello studente. Certo per chi ha reale interesse a formarsi con competenza e serietà. Sarà una coincidenza, ma con gioia ho visto che da quest’anno sono stati messi a disposizione i prestampati fax simili dei programmi, e ora tocca ai prof. articolare le manine sulla tastiera del PC e fare un piccolo sforzo di buona volontà.
    Consultarvi direttamente col docente perchè pur se super impegnati, la stragrande maggioranza dei nostri prof è sempre ben disposto a ricevere gli studenti, ed al contrario dei disfattisti frik, ho prova tangibile che si entusiasmano se si sentono spronati dalla nostra curiosità intellettuale, sono contenti di discutere con noi dei contenuti del nostro percorso e comunque ogni qualvolta ciò non dovesse accadere, qualora si violasse un vostro diritto allo studio….segnalatecelo!
    Un altro tassello è quello dei libri di testo. Pregasi porre attenzione alla differenza tra formazione e indottrinamento e abuso di potere.
    La scelta di testi e approfondimenti deve essere ricondotta ad una onesta selezione dei migliori testi universitari, completi, aggiornati, senza inciuci di dipartimento . La costrizione all’acquisto di testi scritti dai docenti in cattedra per il superamento dell’esame è perseguibile e deve essere denunciata e fermata. Chi osasse commettere una bassezza del genere già comunque la dice lunga sull’effettiva qualità dell’opera, perché un autore di pregio non conquista il suo pubblico di lettori col terrore e con le minacce di ritorsione, ma con la passione che ci mette nell’elaborare prodotti meritevoli di ascolto… quindi già da prova di chi avete davanti. L’università deve concorrere a elevare le nostre capacità di decodificazione e critica della realtà, non rimbecillirci con rifusi di discorsi politici di bassi borghi.
    D’altro canto è riprovevole vedere coltri di studenti che mendicano a destra e a manca lo scrocconaggio di testi fotocopiati, con quella faccina da piccole fiammiferaie come se non sapessero che il commercio di fotocopie di libri è reato, veramente nocivo per la promulgazione della cultura. Quindi anche dal lato studenti un minimo di dignità comportamentale potremmo anche ambire a ripristinarla. Scusate la freddezza della descrizione ma credo che sia veramente finito il sottoproletariato urbano che non ha un tozzo di pane duro e quindi se uno si lamenta delle cose che vanno male allora si assuma l’onere di comportarsi con senso di giustizia lui per primo.

Lascia un commento