I veri raccomandati ? Molti dei parlamentari italiani!

Nino a Gibilmanna 2.jpgCari amici, dopo il caso Mastella in Campania, che ha messo a nudo la la verità di pulcinella, cioè che le segreterie politiche hanno liste di amici e clienti da inserire nei ruoli della pubblica amministrazione, ci rendiamo conto come l’ipocrisia sia l’atteggiamento costante di media e politici di tutti i campi. Ma andiamo con ordine, facendo alcune considerazioni ovvie:

  1. Le segreterie dei potenti a cominciare da quella di Napoleone Bonaparte prima sistemano i familiari, poi gli amici, infine derubano il popolo, altrimenti come sarebbe diventato il fratello di Napoleone Giuseppe Re di Spagna?
  2. Nilde Iotti sarebbe mai stata parlamentare e Presidente della Camera dei deputati se non fosse stata l’amante ufficiale di Togliatti?
  3. Anna Maria Carloni sarebbe mai stata candidata in posizione utile per essere eletta se non fosse la moglie di uno come Bassolino, oggi capolista del rinnovamento per Bersani?
  4. La signora Anna Serafini, anche lei sarebbe mai stata rieletta al parlamento se non fosse la moglie del leader dell’expc Fassino, anche lui campione del rinnovamento stavolta per Franceschini?
  5. E non parliamo della Carfagna, della Gelmini, del Sindaco di Catania Scapagnini che l’unico merito che ha è quello di avere fatto fallire il comune, del Sindaco di Palermo e di tutta la pletora di veline e yes men di cui il presidente Berlusconi ci ha riempito le istituzioni, sarebbero mai stati membri del Parlamento se non fossero i vassalli di padron Silvio?

Fatte quindi queste precisazioni, mi risulta ridicolo chi oggi, da parlamentare che siede tranquillo alla camera, si scandalizza per quello che viene fuori dall’inchiesta sulla Campania, visto che questo è lo stesso identico sistema per ricoprire la carica di deputato o senatore, perchè il sistema dei partiti ha voluto una legge elettorale che non assegna al popolo la decisione di scegliere i propri rappresentanti ma alle segreterie dei partiti. Allora l’unica cosa saggia da dire è, in Italia esistono dei raccomandati infiltrati nella pubblica amministrazione? sono molti dei nostri parlamentari, i quali sanno che per essere candidati in posizione utile per l’elezione ai 20000 euro di stipendio bisogna essere “segnalato” da quache capo tribù della politica nazionale. Detto questo consoliamoci pensando al futuro: sia il buon tempo che il cattivo tempo non durano per tutto il tempo!


    I veri raccomandati ? Molti dei parlamentari italiani!ultima modifica: 2009-10-24T18:01:00+00:00da cyrus1979
    Reposta per primo quest’articolo

    Lascia un commento